BIO

Nato dalla mente creativa di Fabio Curto, unito alla raffinatezza di Nicola Miele e alla solidità di Stefano Cacciatore, saldo sulla potente ritmica di Antonio Petitto e colorato dalle fioriture di Mario Brucato, il progetto Van Guardia si pone come obiettivo quello di abbattere le barriere e le definizioni musicali, esplorando campi sonori dalle provenienze più diverse. La canzone d’autore strizza l’occhio al flamenco passando dallo swing al balkan-jazz non disdegnando il tango e il manouche. La contaminazione è il vero fulcro del gruppo, che si fa nello stesso tempo punto di partenza e destinazione. Insieme alle barriere di genere, vengono abbattute anche quelle fisiche dettate da palchi o amplificazioni. Le esibizioni, infatti, non discriminano luoghi, spazi e persone. Dalla strada al palco alle camere più anguste, l’obiettivo è quello di arrivare diretti allo spettatore, convinti che non esiste spirito tenace al quale non si riesca a strappare un minuto per un ascolto e un sorriso.

 
Born from the creative mind of Fabio Curto, combined with the refinement of Nicola Miele and robustness of Stephen Cacciatore, on the power of rhythm of Antonio Petitto and colorful blooms from Mario Brucato, the Van Guardia project aims to break down barriers and definition music, exploring sound from diverse backgrounds. The songwriting nod to flamenco passing from swing to jazz balkan-not forgetting the tango and the manouche. Contamination is the real core of the group, which is at the same time the starting and the destination point. Along with the style barriers are broken down even the physical ones dictated by stages or amplification. The performances, in fact, do not discriminate places, spaces and people. From the street to the stage to the narrower rooms, the goal is to get directly to the listener, believing that there is no enduring spirit to which you are not able to snatch a minute for a hearing and a smile.

Un pensiero su “BIO

  1. Ciao ragazzi
    vi ho conosciuti venerdì 22 marzo all’Outlet… Siete bravissimi e originali e ho apprezzato in modo particolare il vostro balkan jazz che trovo straordinario. BRAVISSIMI DAVVERO, intensi e allegri, non banali con qualche passaggio struggente (il violino mi fa questo effetto)
    In bocca al lupo: vi auguro successi strepitosi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>